La prevenzione della sindrome del fegato grasso

Perché la sindrome del fegato grasso è un problema?

Anche negli allevamenti ben gestiti si può verificare la sindrome del fegato grasso nel momento in cui l'energia assunta non corrisponde all'energia richiesta. Se l'assunzione di energia non è sufficiente il fegato inizia a metabolizzare i carboidrati in acidi grassi. Questi ultimi devono essere trasportati nelle ovaie per supportare la produzione delle uova, ma se gli acidi grassi sono troppi si sviluppa la sindrome del fegato grasso. Se l'assunzione di energia è al di sopra del fabbisogno, il fegato non ha la capacità di metabolizzare la quantità totale di carboidrati della dieta, in questo modo l'accumulo di grasso nel fegato porta alla sindrome del fegato grasso. La sindrome del fegato grasso può colpire in qualunque momento del ciclo di deposizione ma è più frequente nel momento del picco di produzione e nel momento di fine del ciclo produttivo.

Un calo nella produzione di uova in associazione ad un aumento della mortalità deve fare pensare alla sindrome del fegato grasso. Una diagnosi certa si può fare solo con la necroscopia (valutazione visiva del fegato).

Scarica la guida alla necroscopia

Una volta diagnostica la sindrome del fegato grasso, cosa fare?

La sindrome del fegato grasso (FLS) è una patologia multifattoriale.

Impatto economico della sindrome del fegato grasso

Si stima l'impatto medio della sindrome del fegato grasso in una riduzione del 10% dell'ovodeposizione e un aumento della mortalità del 5%.

Domande sulla sindrome del fegato grasso?

Chiedi ai nostri esperti